New York : la salsa dal barrio latino agli scenari internazionali

Si dice che “la salsa è nata nel barrio latino di NY da madre cubana e padre portoricano”, ma vediamo perché.
Negli anni 30 vide la luce uno stile musicale, il mambo “moderno” che in un primo momento non venne considerato come un nuovo ritmo ma un sottoprodotto del danzon. Solo negli anni 40,dopo la guerra, con la nascita di nuove orchestre afrocubane formate da musicisti latini e jazzisti americani, in cui furono introdotte le congas, si ebbe l’esplosione del mambo e, grazie ai grandi artisti quali Tito Puente, Tito Rodriguez, Machito e Dizzy Gillespie, che arrichirono i loro arrangiamenti con i ritmi cubani, NY divenne il centro della nascita del jazz afrocubano.


Alla fine degli anni 50, a causa della crisi economica poche “grandi band” che nei precedenti anni avevano spopolato rimasero vive ma, nonostante questo, le forme principali della musica cubana continuarono ad andare avanti grazie a giovani musicisti indipendenti. In questi anni un altro avvenimento aiutò molto il progresso della musica cubana : la rinascita del famosissimo Palladium che divenne uno dei templi della musica latina. Vi suonarono grandi nomi tra cui ricordiamo Perez Prado, Tito Rodriguez e Tito Puente portoricano nativo del barrio di NY, e si esibirono ballerini che spesso venivano dalla strada ma avevano una grande creatività, come il duo formato da Anibal Vasquez e Joe Centeno che nel loro mambo fusero swing e tip tap creando lunghi shine chiamati così in riferimento alle scarpe luccicanti dei ballerini.


E, proprio al Palladium, nacquero le prime leggende del ballo latino, in una magica atmosfera in cui c’era un entusiasmo contagioso, una particolare cura nei look dei ballerini che a volte lanciavano vere e proprie mode. Con il tempo però il locale perse la sua importanza perché il pubblico si diresse verso altri luoghi e nel 1964 chiuse, dandovia libera ai piccoli locali di diffondersi. Nel frattempo, nel barrio latino di NY, si cercava una nuova musica che unisse le origini cubane con la sonorità delle nuove generazioni e si diffuse un nuovo tipo di ballo, la Pachanga, che negli anni 60 fece impazzire NY per il suo ritmo frizzante.
Anche un altro genere musicale nacque a NY tra l’incontro del cha cha cha e del rock and roll: il Boogaloo.


La musica latina tradizionale non era più quella semplice del vecchio mondo, ma fu influenzata dall’energia di NY :tempi più veloci, maggior importanza dei fiati e testi che raccontavano il crimine e la povertà dei quartieri degradati. Con queste trasformazioni si arriva agli inizi degli anni 70 quando la musica del quartiere latino di NY non era più musica x divertire ma per raccontare. Nel 1971 nacque la Fania All Star che, con il concerto al Cheetah, contribuì alla diffusione di questo nuovo movimento chiamato salsa, promuovendo i suoi artisti fuori e dentro il mercato americano. Alla fine degli anni 70 Jerry Masucci decise di vendere l’etichetta Fania ad una società sudamericana e vari musicisti di allontanarono dai ritmi della salsa per sperimentare nuove strade musicali. Agli inizi degli anni 80 sembrava che NY fosse ormai finita come capitale della salsa ma, negli anni 90, i produttori e i musicisti cominciarono a guardare di nuovo alle radici della salsa classica riportando nuova luce nella crisi ed un esempio chiaro fu Marc Anthony che passò dal latin house al pop basato sulla salsa con forti elementi afro cubani riportando in musica la complessità ritmica della salsa anni 70.


Da quel momento si è avuta una continua evoluzione che ha l’apice alla fine degli anni 90 con il pop latino (vedi Ricky Martin) e gruppi veterani (vedi Buena Vista Social Club) che ebbero enorme successo negli USA .

*i contenuti di questo articolo hanno carattere divulgativo ed informativo.
** i contenuti di questo articolo trovano ispirazione dall’esperienza didattica e professionale dell’autore unitamente ad una selezionata ricerca sitografica e bibliografica.

Del M° Nicola Gelsomino

Anno accademico 2017/2018 A.s.d. International Salsa Blanca Dancers Presenta : CORSO DI FOLKLORE CUBANO ( Afro – Rumba – Son – Timba ) con Riccardo & Miriana

IMG-20170717-WA0049

Anno accademico 2017/2018

A.s.d. International Salsa Blanca Dancers

Presenta : CORSO DI FOLKLORE CUBANO ( Afro – Rumba – Son –  Timba )

con

Riccardo & Miriana

Project coreografico

❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇❇

Info 340 5588064

gelsominosalsa@gmail.com

L’ A.s.d. International Salsa Blanca Dancers presenta :

Riccardo Sozzino e Miriana Diotallevi si avvicinano alle danze caraibiche nel 2011 e dopo aver appreso le basi con maestri locali nel 2013 iniziano  un percorso di studio con diversi ballerini tra cui Maykel Fonts , Sergio Larrinaga, Alberto Valdes,Adolfo Indacochea,Michele Di Benedetto( con il quale svolgono un percorso studi di salsa new york style, mambo e pachanga ).La svolta nella loro carriera artistica la ottiengono nel 2014 con il loro primo viaggio a Cuba dove hanno la possibilità di studiare la radice dei balli folklorici cubani con i massimi esponenti tra cui la prof.ssa Jennyselt Galata Calvo ( ex prima ballerina Yoruba Andabo e attuale ballerina e direttrice artistica dell’ Agrupacion Osain del Monte) e Balodia Rodriguez ( ex primo ballerino Conjunto Folklorico Nacional De Cuba) .Nello stesso viaggio grazie alle loro capacità  in materia folklorica gli viene offerta la possibilità di poter tenere lezioni direttamente con la compagnia principale del Conjunto Folklorico Nacional, . Ritornato in Italia Riccardo decide di avvicinarsi al mondo della musica afrocubana e popolare iniziando un percorso di studi di percussione ( principalmene congas e batà) che continua tutt ora. Nel 2015 dopo pochi mesi dall’ultimo viaggio ritorna a Cuba dove incremente i suoi studi folklorici con il prof. Domingo Pau( ex primo ballerino,coreografo e professore del Conjunto Floklorico Nacional De Cuba) , Barbarito Ramos ( Munequitos De Matanzas), Jennyselt Galata e Balodia Rodriguez ; e dove ha la possibilità di partecipare artisticamente a rappresentazioni danzarie dei maggiori gruppi folklorici cubani tra cui Osain del Monte e Yoruba Andabo. Nel 2016 , ritorna nuovamente a Cuba dove affianca lo studio danzario ad uno studio musicale con la famiglia rumbera e tambolera Los Chinitos(alla quale si giura Omo Anà), nella persona di Irian Lopez,  ; con  Javier Pina( cantante del Tropicana e del Gruppo Folklorico Abbilona) ; con Adonis Calderon, direttore artistico musicale del Irian Lopez Osain Del Monte. Tutt’ ora dedica la sua vita allo studio antropologico, linguistico, religioso, danzario e musicale della cultura cubana in tutti i suoi aspetti recandosi a Cuba almeno 2 mesi all’anno. Contemporaneamente alla sua formazione didattica ha la possibilità di ballare e di esibirsi in congressi nazionali ed internazionali e partecipa a diverse gare nazionali. Tra i risultati maggiori nel  2016 : – 1 posto  Trofeo Salsitaly nella Categoria Assolo; – 1 posto Trofeo Startast di Roma nella categoria Assolo; – 2 posto Campionati Italiani  LIDCI categoria Master 2016 e 2017 con Il suo Assolo ; 1 posto Campionati Interregionali Sud Italia CDC Puglia Categoria Master Assolo;- 3 posto Campionati Italiani Federcaribe Cat. Master Assolo . A questi si uniscono i risultati in gare di coppia con  Miriana : -1posto MojitosCup 2017 Cat. Master ; – 4 posto Campionati Italiani Salsa Cubana Cat. Master Federcaribe; – 1 posto Campionati Italiani Federcaribe Salsa New York Style Cat Master; – 2 posto Trofeo Stardast Di Roma Salsa Cubana; 2 posto Campionati Italiani Salsa New York Style Lidci Cat Master 2016 e 2017.

Info 340 5588064

gelsominosalsa@gmail.com

A.s.d International Salsa Blanca Dancers

Via Passariello, 141

Pomigliano D’Arco  ( NA )

DOMENICA 20 NOVEMBRE ↩ STAGE di GESTUALITÀ FEMMINILE con Lia Valdes 📌 Gestualità Afro/Cubana & Rumba

img-20161115-wa0004

DOMENICA 20 NOVEMBRE ↩
STAGE di GESTUALITÀ FEMMINILE
con Lidia Valdes 📌
Gestualità Afro/Cubana & Rumba ➡
⚫ Dalle ore 17.00 alle ore 18.00 Principianti
⚫ Dalle ore 18.00 alle ore 19.00 Intermedio

LA MAESTRA È DISPONIBILE PER LEZIONI PRIVATE 📌

Info 340 5588064
gelsominosalsa@gmail.com

A.s.d International Salsa Blanca Dancers

Via Passariello, 141
Pomigliano D’Arco ( NA

Lia Valdes

Salsa, Rumba, LV Style, Casino, Cabaret
Ballerina professionista, diplomata presso la Scuola Nazionale di Spettacolo Musicale (ENEM) all’Avana, una delle scuole più prestigiose a Cuba.
Nacque a Matanzas da una famiglia di ballerini di rumba e fondatori della Rumba Matancera.
Nel 1997 ottenne il diploma di ballerina di spettacoli musicali e maestra d’arte, con solide basi di danza moderna, classica e Jazz.
Nel 2000 si trasferì in Francia entrando a far parte di diverse compagnie di danza e spettacolo come “il re leone” a disneyland, e altre ancora. Inoltre, insegnó salsa nella più rinomata scuola di ballo di Rey Martinez Piloto.
Lia prese parte sia alle riprese cinematografiche del film “Cloclo” del famoso autore Emilio Siri e sia ad un cortometraggio con il ruolo di attrice protagonista e coreografa.y

Cha cha cha , la storia di un mambo-rumba che esplode in un successo senza tempo.

Enrique-Jorrin-El-Rey-del-Cha-cha-cha-400

All’inizio del 1900 a Cuba, insieme alla rumba al danzon e al mambo , si sviluppò un nuovo genere musicale che nel 1951 il violinista Enrique Jorrin definì mambo-rumba e che solo due anni dopo fu etichettato come “cha cha cha“. Quella di Jorrin non fu una vera e propria scoperta bensì un’attenta osservazione : i ballerini non eseguivano più la pausa sul battito slow ma continuavano la sequenza coreografica con un triplo chassé .
L’etimologia del termine cha cha cha è riconducibile a due filoni: onomatopeico e strumentale . Nel primo caso si faceva riferimento al suono che producevano le scarpe a contatto con il pavimento durante l’esecuzione del triplo passo e con ciò è possibile pensare a danze effettuate in sale da ballo e non più su terra battuta . Nel secondo caso il termine “cha cha cha” era riferito ad un sonaglio utilizzato per scandire il tempo all’interno di un’orchestra animata da flauti , violini e congas.

puente_tito_letschach_104b
La diffusione del cha cha cha si può definire esplosiva e intramontabile. In America nel 1953 musicisti come Perez Prado, Tito Puente e Xavier Cugat parteciparono attivamente alla divulgazione musicale del cha cha cha, nel 1954 Enrique Jorrin fece lo stesso in Messico attraverso la mediazione di programmi televisivi e radiofonici .

maxresdefault

Contemporaneamente in Europa il nuovo genere musicale trovò terreno fertile riscontrando un notevole successo tra ballerini e musicisti mentre il popolo italiano solo nel 1961 fu conquistato a ritmo di cha cha cha dalla compagna soubrette del grande Xavier Cugat , Abbe Lane , attraverso il piccolo schermo.

cugat_blachacha_1

 

*i contenuti di questo articolo hanno carattere divulgativo ed informativo.
** i contenuti di questo articolo trovano ispirazione dall’esperienza didattica e professionale dell’autore unitamente ad una selezionata ricerca sitografica e bibliografica.

Del M° Nicola Gelsomino


 

TRADIZIONI AFROISPANICHE: INFLUENZE EUROPEE A SVILUPPO MONDIALE

TRADIZIONI AFROISPANICHE: INFLUENZE EUROPEE A SVILUPPO MONDIALE

danzon

Verso la fine del XVIII secolo a Cuba approdarono le navi statunitensi ed europee, evento che segnò la nascita di confluenze culturali e musicali: da un lato la classe borghese portatrice di un concetto di “danza” e “contradanza” tecnicamente sofisticato e dall’altro un meno aristocratico stile afro-ispanico-cubano.
Sull’isola la danza trovò sfogo in numerose sale da ballo tassativamente vietate al popolo cubano il quale decise di crearne delle nuove, luoghi in cui nacque il “danzon“, un ballo costituito da una serie di passi e movimenti amalgamati in chiave satirica, l’esatta parodia delle danze proprie delle classi borghesi.
Il danzon prevedeva un ritmo lento ed era eseguito secondo gli schemi di una base unica: dama e cavaliere passeggiavano l’uno sotto il braccio dell’altro salutando pseudo-elegantemente le coppie presenti in sala investendo uno spazio di ballo delimitato da un quadrato immaginario.
Tra gli strumenti musicali più utilizzati ricordiamo violini, flauti e pailas.
Con il tempo, però, il danzon subì un’evoluzione scandita dalla nascita del cosiddetto “danzonete“: i movimenti rigidi lasciarono spazio ad altri più morbidi e sinuosi in cui la flessione delle gambe favorí una sensualità adattata alle note di una musica definita da un ritmo più incalzante.

hqdefault
Nel 1950 il danzonete subì un rinnovamento stilistico e musicale generando il “guaracha“. Questo nuovo genere si originò nei bordelli dell’Habana espandendosi fino a Puerto Rico dove fu assorbito dalla tradizione musicale locale. Il guaracha, frutto del danzonete, iniziò a diffondersi a macchia d’olio con una caratteristica esasperazione dei movimenti morbidi del corpo unitamente ad una sempre più evidente flessione delle gambe.

SextHabanero72
Figlio del guaracha è il son, un genere musicale costituto da un ritmo continuo che non vede più la coppia ballare in uno spazio definito. Il son è considerato uno dei primi balli di coppia moderni. Nacque a Santiago de Cuba dalla fusione di stili europei (danzon) e danze campestri di fine ‘800. I suoi strumenti erano il tres, bongo, guiro e successivamente la marimbula. Questo nuovo ritmo influenzò talmente profondamente la cultura cubana al punto da contaminare ciò che in seguito verrà definito come mambo, come salsa e come timba (genere musicale più recente che subisce le influenze del jazz, rock’n’roll, disco, funk, hip Hop .

Orlando-Contreras_HistoriaMusical

Nel 1800 la cultura spagnola penetró talmente a fondo le tradizioni cubane che a Santiago de Cuba giunse qualcosa di nuovo: il boleros, prodotto del son e dell’habanera (danza di origini spagnole reinventata a Cuba con un ritmo lento e simile al tango). Il bolero arrivó, quindi, dalla Spagna quasi privo di strumenti a percussione che furono ben introdotti dai musicisti cubani partorendo così un mix di suoni generati da chitarre, battiti di mani (palmeo), claves, maracas e bonghi e raggiungendo il picco della popolarità tra gli anni ’30 e ’60.

hqdefault

*i contenuti di questo articolo hanno carattere divulgativo ed informativo.
** i contenuti di questo articolo trovano ispirazione dall’esperienza didattica e professionale dell’autore unitamente ad una selezionata ricerca sitografica e bibliografica.

Del M° Nicola Gelsomino