New York : la salsa dal barrio latino agli scenari internazionali

Si dice che “la salsa è nata nel barrio latino di NY da madre cubana e padre portoricano”, ma vediamo perché.
Negli anni 30 vide la luce uno stile musicale, il mambo “moderno” che in un primo momento non venne considerato come un nuovo ritmo ma un sottoprodotto del danzon. Solo negli anni 40,dopo la guerra, con la nascita di nuove orchestre afrocubane formate da musicisti latini e jazzisti americani, in cui furono introdotte le congas, si ebbe l’esplosione del mambo e, grazie ai grandi artisti quali Tito Puente, Tito Rodriguez, Machito e Dizzy Gillespie, che arrichirono i loro arrangiamenti con i ritmi cubani, NY divenne il centro della nascita del jazz afrocubano.


Alla fine degli anni 50, a causa della crisi economica poche “grandi band” che nei precedenti anni avevano spopolato rimasero vive ma, nonostante questo, le forme principali della musica cubana continuarono ad andare avanti grazie a giovani musicisti indipendenti. In questi anni un altro avvenimento aiutò molto il progresso della musica cubana : la rinascita del famosissimo Palladium che divenne uno dei templi della musica latina. Vi suonarono grandi nomi tra cui ricordiamo Perez Prado, Tito Rodriguez e Tito Puente portoricano nativo del barrio di NY, e si esibirono ballerini che spesso venivano dalla strada ma avevano una grande creatività, come il duo formato da Anibal Vasquez e Joe Centeno che nel loro mambo fusero swing e tip tap creando lunghi shine chiamati così in riferimento alle scarpe luccicanti dei ballerini.


E, proprio al Palladium, nacquero le prime leggende del ballo latino, in una magica atmosfera in cui c’era un entusiasmo contagioso, una particolare cura nei look dei ballerini che a volte lanciavano vere e proprie mode. Con il tempo però il locale perse la sua importanza perché il pubblico si diresse verso altri luoghi e nel 1964 chiuse, dandovia libera ai piccoli locali di diffondersi. Nel frattempo, nel barrio latino di NY, si cercava una nuova musica che unisse le origini cubane con la sonorità delle nuove generazioni e si diffuse un nuovo tipo di ballo, la Pachanga, che negli anni 60 fece impazzire NY per il suo ritmo frizzante.
Anche un altro genere musicale nacque a NY tra l’incontro del cha cha cha e del rock and roll: il Boogaloo.


La musica latina tradizionale non era più quella semplice del vecchio mondo, ma fu influenzata dall’energia di NY :tempi più veloci, maggior importanza dei fiati e testi che raccontavano il crimine e la povertà dei quartieri degradati. Con queste trasformazioni si arriva agli inizi degli anni 70 quando la musica del quartiere latino di NY non era più musica x divertire ma per raccontare. Nel 1971 nacque la Fania All Star che, con il concerto al Cheetah, contribuì alla diffusione di questo nuovo movimento chiamato salsa, promuovendo i suoi artisti fuori e dentro il mercato americano. Alla fine degli anni 70 Jerry Masucci decise di vendere l’etichetta Fania ad una società sudamericana e vari musicisti di allontanarono dai ritmi della salsa per sperimentare nuove strade musicali. Agli inizi degli anni 80 sembrava che NY fosse ormai finita come capitale della salsa ma, negli anni 90, i produttori e i musicisti cominciarono a guardare di nuovo alle radici della salsa classica riportando nuova luce nella crisi ed un esempio chiaro fu Marc Anthony che passò dal latin house al pop basato sulla salsa con forti elementi afro cubani riportando in musica la complessità ritmica della salsa anni 70.


Da quel momento si è avuta una continua evoluzione che ha l’apice alla fine degli anni 90 con il pop latino (vedi Ricky Martin) e gruppi veterani (vedi Buena Vista Social Club) che ebbero enorme successo negli USA .

*i contenuti di questo articolo hanno carattere divulgativo ed informativo.
** i contenuti di questo articolo trovano ispirazione dall’esperienza didattica e professionale dell’autore unitamente ad una selezionata ricerca sitografica e bibliografica.

Del M° Nicola Gelsomino

Campionati Italiani Assoluti – IDF

Campionati Italiani Assoluti – IDF

29 Giugno / 5 LUGLIO 2020

Program
•29 Giugno / 1 LUGLIO :
IDF INTERNATIONAL SUMMER CAMP
•2 LUGLIO:
PROFESSIONALS & AMATEUR OPEN COUPLES COMPETITIONS
•3 LUGLIO:
AMATEUR CLOSE COUPLES COMPETITIONS
•4 LUGLIO :
SOLO & DUO COMPETITIONS
•5 LUGLIO :
CHOREOGRAPHIC TEAM COMPETITION

HOTEL: MARINA DI CASTELLO RESORT & SPA

PACCHETTI COMING SOON su
www.idfitaly.it

IDF LA TUA FEDERAZIONE

Stage Andrea & Silvia -Sabato 01 Febbraio – B A C H A T A S E N S U A L

PRENOTA SUBITO CON LA FORMULA
Special Price fino al 26 Gennaio € 15.00

Stage Andrea & Silvia
Sabato 01 Febbraio
B A C H A T A S E N S U A L

Dalle ore 18.30 alle ore 19.30
Livello Open

Special Price fino al 26 Gennaio
€ 15.00 a persona

Dal 27 Gennaio
€ 20.00 a persona

UnitedDancers CohibaGroup

Info&prenotazioni 📞 340 5588064

Presso : ROYAL Wellnes Village
Via Selva , Pomigliano D’Arco ( NA )

Le origini delle Danze Caraibiche- La Bomba e la Plena

Le origini delle Danze Caraibiche –
La Bomba e la Plena.

L’origine della “bomba” non è definita chiaramente ma gli esperti la riconducono circa al 1840 ed era molto popolare nell’isola di Portorico. Era una forma di ballo comandato nelle figure da un “bastonero” che, interagendo con il coro e i tamburi dava indicazioni ai ballerini.
Per quanto riguarda la “plena” la teoria più popolare sulle due origini la vede nascere nel 1920 nella città di Ponce sulla costa di Portorico, con radici nella musica e nelle danze africane poi successivamente influenzate dalla tradizione degli spagnoli e del Marocco e dalla musica delle sale da ballo dell’Europa. La plena viene chiamata anche il “giornale cantato” poiché attraverso le canzoni venivano raccontati eventi politici, tradizioni, o semplici scandali dell’ultimo momento oppure erano semplici canti divertenti senza polemica ma pur sempre una importantissima espressione della comunità.
Per le loro origini e alcune caratteristiche la bomba e la plena spesso vengono fuse nella “bombayplena” che tutti a Puertorico conoscono molto bene, ma nonostante ciò hanno comunque delle differenze ben marcate sia nella forma che nell’importanza della danza, nella struttura del verso e nel suo contenuto.
Anche se nell’ultima parte del 20° secolo questo genere di musica è stato superato da generi più commerciali, negli anni 90 c’è stato un risveglio dello stile grazie a vari artisti tipo Plena Libre o artisti di salsa come Willie Colon che, registrando vari album, non solo reinterpretarono la tradizione di questo stile ma fecero sì che plena potesse rinascere e affermarsi come un importante patrimonio di musica e danza tradizionale .

*i contenuti di questo articolo hanno carattere divulgativo ed informativo.
** i contenuti di questo articolo trovano ispirazione dall’esperienza didattica e professionale dell’autore unitamente ad una selezionata ricerca sitografica e bibliografica.

Del M° Nicola Gelsomino

CAMPANIA AFRO LATIN

SCEGLI LA SOLUZIONE MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

Le formule di adesione sono:

1 ) SERATA 15€ CON SHOW SOCIAL E DRINK

2 )PACK FULL 50€ ( Sabato e Domenica )
COMPRENSIVO DI TUTTE LE ORE DI DIDATTICA SERATA ESCLUSO

3 ) PACK “LUIS Y ANDREA 35€
COMPRENDE SOLO LE ORE DI STAGE CON I SUDDETTI ARTISTI

4 ) PACK “PABLITO” 35€
COMPRENDE SOLO LE ORE DI STAGE CON I SUDDETTI ARTISTI

5 ) PACK “SUNDAY” 40€
COMPRENDE TUTTE LE LEZIONI DELLA GIORNATA DI DOMENICA

EᗪIᘔIOᑎE ᗯEEK

Location :
MAMAINES unconventional club

14 & 15 DICEMBRE 2019

ˢᵃˡˢᵃ ● ᴮᵃᶜʰᵃᵗᵃ ● ᴬᶠʳᵒ ● ᴿᵘᵐᵇᵃ ● ᵀⁱᵐᵇᵃ ●

2 Workshop Day
1 Show Night

Fb & Instagram
Campania Afro/Latin Congress

Info 340 5588064 – 333 1862173 –
334 3694757 – 393 109 2552

OPPURE AL TUO MAESTRO DI RIFERIMENTO